Menu

Arrivabene: “Noi assumiamo piloti, non maggiordomi”

Maurizio ArrivabeneSono dichiarazioni forti quelle di Maurizio Arrivabene , Team Principal Ferrari al termine di una gara, quella del Gran Premio d’Italia, che ha visto ancora una volta le Ferrari cedere il passo e posizioni alle stelle a tre punte.

Ordini? Noi assumiamo piloti, non maggiordomi“, questa la prima dichiarazione di Maurizio Arrivabene , parole che hanno scatenato migliaia di commenti in rete…

L’ordine di scuderia impartito a Bottas dal Team Mercedes è stato chiaro, Lewis Hamilton doveva passare, è lui il Campione / Pilota in lotta per il titolo, così il gioco di squadra ha avuto la meglio e complice anche un’usura pazzesca delle gomme di Kimi Raikkonen, ecco che Monza per le Ferrari è stata una “disfatta”.

Maurizio Arrivabene: “Non è certo questo il risultato che avremmo voluto regalare ai nostri tifosi, che ci hanno dato un grande sostegno per tutto il week end e che ringrazio da parte mia e di tutta la squadra. Dopo il contatto alla seconda variante, Kimi si è ritrovato a dover fare la sua gara da solo contro due avversari, mentre Seb, con una vettura molto danneggiata, ha lottato in rimonta. Sappiamo di avere una macchina molto forte e la prima fila in qualifica lo aveva dimostrato chiaramente. L’importante, adesso, è reagire come una squadra, in modo ordinato e determinato, senza mollare mai. Il campionato è ancora lungo e già si prepara la prossima sfida a Singapore.”

Kimi Raikkonen: “La macchina andava davvero bene oggi. Con il primo set di gomme tutto è andato come previsto, mentre il secondo treno non è durato quanto ci aspettavamo. Non c’era molto che potessimo fare, dovevamo continuare a spingere e non abbiamo avuto un attimo di respiro per rallentare il ritmo e conservare le gomme. Ovviamente volevamo un risultato diverso, ma questo è quello che abbiamo ottenuto; abbiamo fatto il massimo ma non è bastato. A posteriori è facile dire quello che avremmo dovuto fare in un mondo perfetto; abbiamo fatto quello che pensavamo fosse la cosa giusta e penso che non sia stato sbagliato. Il secondo posto non è il massimo ma lo accettiamo; siamo stati fortunati a finire la gara, la posteriore sinistra era completamente compromessa. Nelle prossime gare la competizione sarà molto serrata praticamente su tutte le piste. Continuiamo a dare il massimo, sperando di aver fatto abbastanza fino all’ultima gara.”

Sebastian Vettel: “All’inizio ho cercato di superare Kimi nelle curve 1 e 4, ma non ci sono riuscito. Lui ha mollato i freni, come era suo diritto, io mi sono spostato di lato e così facendo ho aperto un varco per Lewis. A quel punto non ho avuto spazio e non c’era più niente che potessi fare. Ho toccato la sua macchina, mi sono girato e ho avuto la peggio, riportando parecchi danni. Avrebbe potuto andare diversamente, ma non è stato così. Purtroppo la nostra gara è stata compromessa ed è un peccato, ma poi ho cercato di fare il massimo con una discreta rimonta. Tutto sommato, poteva andare anche peggio. E’ deludente senza dubbio perché avevamo il passo giusto e avremmo decisamente potuto vincere. Ora ci sono parecchi punti da recuperare, ma abbiamo ancora tempo per migliorare, e c’è margine per un recupero. Mi dispiace per i nostri tifosi perché oggi si meritavano un altro risultato.”

Iscriviti alle nostre newsletter...