Menu

A Portimao debutta la Maserati

Dopo aver conquistato il terzo gradino del podio di Gara 2 in occasione del primo appuntamento stagionale di Monza, Andrea Chiesa (assente a Valencia) rientra nella “mischia” dei boldi da oltre 400 CV della International Superstars Series.  «Sono  motivato più che mai. – così ha esordito il pilota elvetico, pronto a rimettersi in gioco con la consapevolezza di avere a disposizione una vettura in grado di puntare al successo – La Maserati è migliorata tantissimo rispetto allo scorso anno. Quella che guiderò per la prima volta a Portimão è completamente nuova. Sono molto curioso di vedere come si comporterà sul tracciato dell’Algarve, dove i tratti guidati sono numerosi e non mancano neppure i rettilinei dove sfruttare tutta la potenza del motore. Come obiettivo ho quello di salire nuovamente sul podio, ma prima dovremo lavorare parecchio per mettere a punto la vettura, io e tutti gli uomini dello Swiss Team già dalle prove libere del venerdì».

Per Andrea Chiesa si rinnova pertanto la sfida nel campionato Superstars in cui ha fatto il suo debutto, proprio con una Maserati Quattroporte, nel 2009. Due stagioni in cui il pilota italo-svizzero ha lavorato sodo per dare una svolta decisiva al progetto legato alla partecipazione della vettura della Casa del Tridente, riuscendo a cogliere quest’anno i primi frutti, anche grazie al contributo del suo nuovo compagno di squadra Andrea Bertolini e all’impegno del team. Dopo Monza, Chiesa si è detto estremamente carico. Lo “stop” di Valencia gli ha dato inoltre nuove motivazioni per fare vedere che c’è anche lui. Non ha bisogno di dimostrare niente, ma l’ex pilota di F.1 (una stagione intera disputata nel ’92 con la Fondmetal-Ford) vuole a tutti i costi inserirsi nelle posizioni “top”. A Portimão, questo weekend, si presenterà per lui la prima opportunità per farlo. La sfida è lanciata…

Iscriviti alle nostre newsletter...